99

La Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale
e Intervento Psicosociale

con il patrocinio del Centro per la Ricerca in Psicoterapia (C.R.P.)
e dell’Associazione Italiana di Psicologia Preventiva (A.I.PRE)

promuove un ciclo di incontri per

Psicologi competenti

orientato ad offrire a laureati e laureandi la possibilità di incrementare il proprio repertorio di abilità e competenze




Primo Incontro: La conduzione dell’intervista di assessment (Anna Rita Colasanti)

Secondo Incontro: L’intervista cognitivo comportamentale nei disturbi d’ansia (Mario Becciu)

Terzo Incontro: L'intervista motivazionale come strumento clinico per i genitori e i minori (Paola Borgo)

Quarto Incontro: Training emozionale: l'uso della voce nella parola, nel canto e nelle tecniche di autosuggestione (Roberto Picozzi)

Quinto Incontro: Introduzione all'uso del Biofeedback nel trattamento dei disturbi psicofisiologici (Giuseppe Sacco)

Gli incontri si terranno nei mesi di novembre-dicembre 2016, il venerdì pomerig­gio dalle 15 alle 20, presso le sedi del CRP e dell’A.I.PRE.
Il costo è di 50 euro ad incontro. Per coloro che prendono parte all’intero ciclo il costo è di 200 euro. E’ previsto un numero max di 20 partecipanti.

Si raccolgono le iscrizioni entro il 9 novembre 2016.


CRP - A.I.PRE.
Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale
e Intervento Psicosociale

Riconosciuta dal MIUR (cod. di rif. 149)

Presentano

Corso intensivo di
Potenziamento delle capacità espressive e comunicative



Alcune professioni non richiedono soltanto abilità e saperi tecnico-specialistici ma an­che una buona relazione umana con i destinatari delle loro attività. Per psicoterapeu­ti, medici, educatori ed insegnanti, il “rapporto comunicativo” è uno strumento di la­voro prezioso perché, laddove sia valido, contribuisce sostanzialmente all'efficacia della rispettiva professione.
Eppure - nella loro formazione - questo aspetto non è in genere altrettanto curato quanto la parte contenutistica: l'abilità di saper riconoscere emozioni e sentimenti, nonché esprimerli e suscitarli in maniera adeguata, spesso non compare tra gli scopi prima­ri nei curricula formativi di queste professioni. Invece, al fine di saper utilizzare la comunicazione in tutta la sua potenzialità può essere necessario per molti un appren­dimento dedicato a ciò.
Questo corso si propone di integrare, laddove ci sia, tale mancanza, con l'ausilio di professionisti della pratica comunicativa, con una formula innovativa e coinvolgente, che trae vigore dalle arti drammatiche.


La struttura

Durata: 50 ore in totale
Articolazione : 5 incontri a cadenza mensile di 10 ore ciascuno.
Incontri: ogni incontro si svolgerà il sabato, diviso in due moduli, mattutino (9:30-13:30) e pomeridiano (14:30-18:30).
Periodo: I semestre 2016. Inizio: 12 marzo 2016.
Scopo del seminario: potenziamento delle abilità espressive e comunicative per professionisti (professioni di aiuto).
Destinatari: psicologi, psicoterapeuti, medici, insegnanti*, educatori.
Sede: Centro per la Ricerca in Psicoterapia (CRP). Piazza O. Marucchi, 5 – 00162 Roma
Costi: 300 euro + quota associativa CRP (100 euro). Sono esenti dalla quota associativa i soci CRP in regola per l'anno 2016, educatori ed insegnanti.
Segreteria Organizzativa:
Raffaella Aresu, Francesco Battista, Roberto Picozzi. Email: info@crpitalia.eu
CRP, Piazza O. Marucchi, 5 – Roma, tel/fax: 06 8632 0838.

*Gli insegnanti possono inserire tale corso per finanziare l’aggiornamento e l’auto-formazione ai sensi della Legge del 13 luglio 2015, n. 107 con il Bonus da € 500.



PROGRAMMA

Moduli mattutini: Pensiero ed espressione
Seminario di Maria Letizia Compatangelo.


Il programma del presente seminario è uno schema di azione, suscettibile di cambiamenti (soprattutto nella seconda parte, più laboratoriale), che si incardina su tre punti fissi.

Uno di essi è costituito dalla presentazione e analisi delle necessità fondamentali della scrittura teatrale: scrittura per il corpo dell’attore, e scrittura che deve essere coniugata in uno spazio scenico.

Un altro è l’esposizione e lo studio degli elementi costitutivi del testo teatrale e lo studio di alcune tecniche fondamentali, nell’ottica di una determinazione necessariamente personale di metodo e disciplina di scrittura.

Il terzo è il confronto sui testi con la partecipazione attiva degli studenti attraverso la lettura, la critica, la regia – e anche l’interpretazione – che ciascuno sarà invitato a condurre sul testo dell’altro, in quanto l’esercizio sul testo di un compagno è il modo migliore per capire quali possono essere i nostri stessi difetti, quali le obiezioni ricorrenti (non c’è azione, carenza di ritmo, povertà di sottotesto), o le trappole da evitare (la “paglia”, la consequenzialità).

All'interno del seminario vi sarà anche un addestramento volto a “tradurre” nella pra­tica della recitazione le idee e le parole cui è stata data vita nella scrittura, anche con l’ausilio dell’analisi e dell’interpretazione di brani da testi classici, appuntando l’attenzione sul riconoscimento ed espressione delle emozioni, sugli aspetti paralinguistici, mimici e gestuali della recitazione e il loro rapporto con il pensiero verbale.


1 – Presentazione del corso.

Il teatro e il testo drammaturgico. L’idea teatrale. Generi vecchi e nuovi. “Carattere” della commedia. Tecniche della bottega teatrale. Eserci­zio della scrittura su commissione. Esercizio dell’imitazione-traduzione. Lo spazio scenico. Il paradosso dell’autore. Lingua e linguaggi. L’autore e la società teatrale di oggi. La valigia dello scrittore. Richiesta di soggetti da parte degli studenti. O di una scena e di un testo particolarmente amati.


2 - Lettura e analisi dei primi soggetti proposti.

Cos’è un’idea “teatrabile”. Il soggetto. Il titolo. Tipi e possibilità dell’immaginazione teatrale. Osservazione e ascolto – Traduzione, non riproduzione. Qualità multisensoriale della scrittura scenica – Teatro insieme complesso di segni, che vanno oltre il testo scritto, ma dei quali il testo scritto deve poter contenere la possibilità. Metafora e concretezza: il correlativo oggettivo.


3 – Lettura e analisi della stesura delle scalette. Necessità interne alla scrittura teatrale, che filtrano, condizionano, verificano e comandano tutto: Azione – Ritmo – Linguaggio. Reciproci condizionamenti tra struttura e scrittura teatrale. I personaggi. La psicologia e motivazioni del personaggio. La carne e il sangue. Il pensiero del personaggio. Il linguaggio del personaggio. Il silenzio e la pausa.


4 – Struttura e arco della commedia. Verifica dell’uso delle tecniche sperimentate: suspence, colpo di scena, scena madre, testa di finale, finale. Il paradosso e il suo doppio. La trovata. La fantasia. Verità e verosimiglianza. – Ritmo e “respiro” della commedia. L’eliminazione della “paglia”. Prima verifica dei linguaggi. Uso espressivo della punteggiatura. Ritmo e verso nella scrittura teatrale. Il dialetto come alimento della lingua teatrale.


5 – Lettura, analisi, revisione degli scritti prodotti. Editing e formattazione di un testo drammaturgico. Argomento e tema. Prove di regia a tavolino sui testi. Saper leggere un testo.


Moduli pomeridiani: Pratica recitativa
con Luciano Roffi, Francesco Aquilar, Roberto Picozzi, L.M. Compatangelo.


1) Cenni sull’apparato fisiologico che produce la respirazione e la voce. L. Roffi.

Giusta postura fisica per facilitare la respirazione.

Dosaggio controllato di inspirazione ed espirazione.

Come funzionano gli organi della respirazione e fonazione.

2) Illustrazione di esercizi per rendere più fluido il passaggio dell’aria e utilizzare al meglio la vibrazione delle corde vocali. Loro esecuzione da parte degli allievi. L. Roffi.

3) Illustrazione ed esecuzione di esercizi di dizione e articolazione. L. Roffi.

4a) Le emozioni e la musica (3h). F. Aquilar.
La relazione tra emozioni e musica viene attualmente studiata in particolare da tre specifiche discipline: psico-musicologia, psicologia della musica e musicoterapia. La psico-musicologia si occupa di studiare le funzioni mentali e cerebrali collegate alla musica, mentre la psicologia della musica si occupa di studiare le interazioni tra la diverse funzioni psicologiche, la composizione musicale e la fruizione dell’esperienza musicale. La musicoterapia, invece, è una disciplina applicativa nella quale l’improvvisazione musicale guidata viene utilizzata come strumento di espressione delle emozioni e di socializzazione intenzionale, specie in soggetti affetti da specifici disturbi psicologici e psicopatologici. Inoltre, numerose osservazioni sono presenti nella letteratura specialistica sull’utilizzazione della musica nel contesto psicoterapeutico. Nel Modulo verranno tratteggiate le tre discipline e le implicazioni per la psicoterapia, specie di area cognitivo-comportamentale. Verranno inoltre fornite alcune informazioni sull’utilizzazione della musica sia sul piano del riconoscimento emozionale sia sui piani espressivo, comunicativo e teatrale. Come esempio di utilizzazione saranno ascoltate e commentate alcune Canzoni Psicoterapeutiche, composte e pubblicate dal Conduttore, volte ad esplorare la correlazione tra emozioni e musica rispetto ad alcuni tipici problemi psicologici. Inoltre verranno affrontate le problematiche relative all’effetto comunicativo musicale implicito ed esplicito e alla memoria emotiva musicale, sia nelle relazioni amorose che nelle performance teatrali, televisive, pubblicitarie e cinematografiche.

4b) La gestione delle emozioni attraverso la voce e il canto (2h). R. Picozzi.
La nostra voce, con apprendimento e l’educazione, viene inibita e soffocata, facendoci così perdere la nostra spontanea espressività. Il corso ha soprattutto lo scopo di permettere di riappropriarsi della propria voce e di poterla sfruttare per migliorare i nostri stati emotivi. Il programma prevede l’apprendimento ad una cor­retta respirazione, con l’utilizzo appropriato del diaframma, ed un miglioramento dell’espressività vocale, attraverso una giusta articolazione dei muscoli facciali e l’emissione di particolari suoni, imparando tra l’altro in questo modo, anche a cantare.


5) Applicazione degli esercizi al testo drammaturgico. M.L. Compatangelo e L. Roffi.

Date degli incontri: 12/3, 2/4, 23/4, 21/5, 18/6


Consulenza psicologica del Corso:
Stefania Borgo, Lucio Sibilia, Francesco Aquilar, Roberto Picozzi.



Curriculum brevi dei docenti e consulenti


Maria Letizia Compatangelo, drammaturga, saggista, laureata in Storia del Teatro, due volte Premio I.D.I., ha scritto e pubblicato numerose commedie, rappresentate in Italia e all’estero, pubblicate in volume e su riviste specializzate. È Presidente del Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea. Collabora con la Rai come consulente e autrice, con l’Università «Sapienza» di Roma e l’Accademia Silvio D’Amico come docente di drammaturgia e scrittura scenica. Nel 2014 le viene conferito il Premio per la Drammaturgia “Ombre della Sera”, al Festival del Teatro Romano di Volterra e la sua commedia La cena di Vermeer vince i prestigiosi premi nazionali di drammaturgia “Vallecorsi” e SIAE.


Luciano Roffi, Attore di teatro, cinema e televisione. Ha lavorato tra gli altri con F. Enriquez, M. Scaparro, M. Ferrero, G. Pambieri, C. Lizzani, G. Capitani, F. Vancini, L. Cavani e R. Izzo. Dal 1978 lavora intensamente nel doppiaggio. Ha dato la voce, fra gli altri, a Erik Estrada (Poncherello nel serial "Chips"), a Christopher Walken, Brian Brown, Julian Sands, David Bowie e Richard Jenkins.


Francesco Aquilar, psicologo, psicoterapeuta, saggista, commediografo, autore musicale. E’ presidente dell’Associazione Italiana di Psicoterapia Cognitiva e Sociale, didatta SITCC e docente CRP. Ha insegnato per tre anni Psicologia della Musica ai Corsi Universitari del Conservatorio di Avellino. Ha pubblicato fra l’altro 15 volumi tra Italia e USA, 17 canzoni psicoterapeutiche e 3 commedie. I testi di riferimento per la lezione sono: 1) Aquilar F. (2000/2012/2015), Riconoscere le emozioni. Esercizi di consapevolezza e psicoterapia cognitiva. Con canzoni psicoterapeutiche, Franco Angeli, Milano; 2) Aquilar F. (2006/2014), Psicoterapia dell’amore e del sesso. 100 domande, 100 risposte e 3 commedie psicoterapeutiche, Franco Angeli; 3) Aquilar F. (2013), a cura di, Parlare per capirsi. Strumenti di psicoterapia cognitiva per una comunicazione funzionale, Franco Angeli, Milano; 4) Aquilar F. (2015), a cura di, Parlare d’amore. Psicologia e psicoterapia cognitiva delle relazioni intime, Franco Angeli, Milano.


Roberto Picozzi, psicologo, psicoterapeuta, socio didatta SITCC (Società Italiana cognitivo-comportamentale), docente presso il CRP (Centro per le Ricerche in Psicologia), esperto in tecniche respiratorie e di rilassamento. Inoltre ha studiato canto lirico e ideato un metodo per l’ utilizzo della voce nella gestione delle emozioni.


Stefania Borgo, neurologo, psichiatra e psicoterapeuta. Già docente di Promozione della salute e di Psichiatria alla Università di Roma Sapienza, è attualmente Direttore Scientifico del Centro per la Ricerca in Psicoterapia (C.R.P.), Direttore della Scuola di specializzazione di Terapia cognitivo-comportamentale e Intervento psico-sociale e Direttore della rivista telematica Psychomed. Ha condotto numerose ricerche nel campo delle emozioni, oggetto di numerose pubblicazioni.


Lucio Sibilia, neurologo, psichiatra e psicoterapeuta, presidente della Società Italiana di Medicina Psicosociale (SIMPS) e fondatore del Centro per la Ricerca in Psicoterapia (CRP) e di altre società scientifiche nell'interfaccia medicina-psicologia, ha insegnato Psichiatria e Psicologia Clinica alla Università di Roma Sapienza. Ha compiuto ricerche, pubblicate anche su volumi e riviste inter-nazionali, soprattutto sull’efficacia delle psicoterapie, sui metodi cognitivo-comportamentali di gestione dello stress e di autocontrollo delle abitudini consu-matorie, per il trattamento dell’obesità, del tabagismo e per la prevenzione dell’abuso alcolico.